Skip navigation

YESTERDAY

di Jana Balkan

Teatro realistico con momenti di teatro visivo e onirico, che trasferisce sulla scena e restituisce la realtà degli anziani colpiti da Alzheimer consegnati alle badanti o agli istituti di riposo, relegati nelle anticamere della morte, “trasferiti”, quando non “abbandonati” per motivi di tempo, di lavoro, di metri quadrati, nelle mani di estranei.

“Yesterday. L’ultimo gioco” di Jana Balkan con Jana Balkan, Isabella Caserta, Francesco Laruffa, che curano anche la regia. Lo spettacolo tratta la sempre più diffusa malattia dell’Alzheimer. Abbiamo cominciato a indagare questa perdita attraverso un lavoro di ricerca, interviste, testimonianze e incontri fatti con gli anziani, i familiari e le badanti che li assistono. Ogni riferimento a fatti e persone non è puramente casuale. Lo spettacolo è ispirato a una storia vera: i tre protagonisti sono persone reali, persone che abbiamo conosciuto e ci hanno raccontato questa storia.  La perdita della memoria è una malattia che complica tutto perché fa smarrire il senso delle cose, fino a farle sparire nell’indistinto. E’ un naufragare inesorabile verso il niente. E’ un lento smarrirsi nel silenzio e nell’assenza. E’ irreversibile. Non si vuole commentare né giudicare, solo ritrarre una realtà che coinvolge tutti e che porta a riflettere. Lo spettacolo oscilla tra ricordi e presente, tra visioni della mente e realtà. “Ho visto un’anziana al funerale del figlio che ad un certo punto ha smesso di piangere perché non si ricordava più che ci facesse là. Ha detto: Portatemi via, chi è quello là dentro?”. Da questa esperienza è scaturita la nostra ricerca e questo lavoro. Produzione Teatro Scientifico – Teatro Laboratorio. Si ringrazia il Centro Alzheimer Verona e quanti hanno voluto darci la loro testimonianza e si sono prestati a condividere con noi la loro esperienza.

________________________________________________________________________

⇐ torna a Spettacoli in cartellone                                                                                        

⇒ vai a Rassegna Stampa