Skip navigation

ELISA BERTATO
Direzione Organizzativa

Dopo aver studiato per anni danza classica e moderna, frequentando, tra gli altri, il “Ballet Studio of New York”, attratta dal mondo dello spettacolo sente crescere in sé il desiderio di avvicinarsi al mondo della recitazione per entrare in sintonia con l’approfondimento psicologico connesso all’interpretazione di un personaggio. Consegue la maturità classica. Dopo la laurea in Scienze dell’Educazione, si diploma in Recitazione presso l’Accademia d’Arte Drammatica del Teatro/Laboratorio. Ha maturato varie esperienze educativo-didattiche in diversi Centri, tra cui il Comprehensive Community Based Rehabilitation in Tanzania. Ha inoltre partecipato a workshop sulla sceneggiatura cinematografica, sull’insegnamento del teatro ai bambini, stage teatrali e laboratori intensivi, tra cui “Teatrando” presso Wanda Circus (“Anima e corpo – danzaterapia”, “Raccontar storie”), “La cantatrice calva” di Ionesco tenuto da Francesco Laruffa (attore e regista), “Corpo e voce” di Katie Marchand (Living Theatre) e “Pasoliniana” di Elisabetta Di Terlizzi. Ha partecipato la Master “Leader del Futuro” (Ambrosetti) e al corso del Fondo Sociale Europeo “Ufficio Stampa e Comunicazione per lo spettacolo”. Come docente ha tenuto lezioni presso il Cestim di Verona, in varie scuole del territorio veronese e in diversi Laboratori Teatrali.

Attrice eclettica e versatile, si presta a ricoprire diverse tipologie di ruoli, dividendosi tra cinema e teatro e prendendo parte sia a spettacoli teatrali che a produzioni audiovisive. Tra queste, i cortometraggi “Dentro lo specchio” e “Dal profondo” di Luca Caserta, presentati a vari Festival nazionali e internazionali (Premi David di Donatello, Festival di Cannes, Paris Courts Devant, Encounters International Film Festival, Lucania Film Festival, Bolzano Short Film Festival, American Horror Film Festival, etc.). “Dal profondo” è distribuito on demand da IndiePix Films negli U.S.A. e worldwide. È protagonista di “Dimmi chi sono” di Luca Caserta, la cui sceneggiatura ha ottenuto il Bando per lo Sviluppo del Nuovo Imaie 2017. Il cortometraggio include nella colonna sonora la canzone “Piccola stella senza cielo” di Luciano Ligabue per gentile concessione dell’artista e su licenza Warner Music Italia/Warner Chappel Music Italiana. Il film ha vinto il premio come Miglior Cortometraggio Europeo all’Europe Asia Festival of Cinema 2020, il premio per il Miglior Montaggio e le nomination come Miglior Regia e Miglior Cortometraggio al Top Indie Film Awards 2019 (U.S.A.) e il premio come Miglior Film nella Sezione Video del Premio Olivier – Leigh.

Dal 2003 collabora come attrice con il Teatro Scientifico e dal 2011 come attrice e sceneggiatrice con Nuove Officine Cinematografiche.

TORNA INDIETRO