Skip navigation

OGGI È OTELLO
da Shakespeare
diretto e interpretato da Isabella Caserta e Francesco Laruffa

produzione Teatro Scientifico – Teatro Laboratorioper Estate Teatrale Veronese 2018

Una riflessione, che parte dalla tragedia shakespeariana, sull’amore malato e il cannibalismosentimentale. Il lampo della gelosia e la prigione del sospetto che conducono al femminicidio.Dramma di ieri e di oggi. Lo spettacolo fa parte del progetto #amorlietomalatonegato, ideato da Isabella Caserta, cheanalizza l’amore nelle sue varie sfaccettature. In Oggi è Otello si crea un parallelismo con ilpresente per porre il focus sul fenomeno del femminicidio e sulla sua drammatica attualità. Scrivendolo nel 1604, Shakespeare ci ha consegnato il dramma della gelosia che è ancora oggipiù che mai presente. La gelosia, l’ossessione che viene dal di dentro e che può sembrarescatenata da qualcuno o qualcosa, in realtà è insita nella mente di chi trasforma l’amore in unmalato senso del possesso del partner.Il grido di Desdemona che supplica di lasciarla in vita è il grido di centinaia di donne vittimedell’uomo che pensavano le amasse e risuona sempre più lancinante. “La gelosia è un mostro dagli occhi verdi che gioca con la carne di cui si nutre». Quel fazzoletto,regalatole da Otello e che Desdemona non trova più, innesca la macchina infernale che portaalla tragedia. La gelosia delirante di Otello è la stessa gelosia che attanaglia molti uomini, che si trasformanoin assassini della donna amata. L’amore perde la sua essenza trasformandosi in desiderio dicontrollo, dominio e possesso. I numerosi casi di cronaca dei nostri giorni documentanol’attualità disarmante della vicenda shakespeariana. Nello spettacolo  passato e presente siintersecano creando un interscambio tra personaggi dal vivo e personaggi in video.Accanto ai protagonisti Isabella Caserta e Francesco Laruffa agiscono in video Stefania Pepe,Roberto Adriani, Alberto Novarin. Direttore della fotografia Francesco Pireddu, fonico di presadiretta Daniele Mariotti, trucco Mialitiana Sartor, attrezzeria Peroni, scene e costumi LaboratorioTeatrale, direzione tecnica Luca Cominacini, coordinamento Jana Balkan.

Torna a Spettacoli in Cartellone                                        Rassegna stampa